Logo MST

Replica: A tu per tu con il presente: Umberto Boccioni

[22.04.2016]

Conferenza di Anna Torterolo

Venerdì 22 aprile 2016 - h.10,00


Umberto Boccioni (1882-1916) è stato il più grande artista italiano del Novecento.
Classificarlo sotto l''etichetta di futurista vuol dire non rendere giustizia alla sua irrequietudine creativa e alla sua forza di sperimentazione che gli fece bruciare le tappe di una vita troppo breve.
La pittura che apprende da Giacomo Balla e da Gaetano Previati è quella divisionista-simbolista, che insegue il sogno di un''energia spirituale lontana dalla rumorosa e plebea civiltà industriale.
Presto si rende conto di come le visioni oniriche fin-de-siècle siano una fuga codarda da una realtà che si impone e con cui le arti devono dialogare. Macchine, treni, aerei, il cinema....., se considerati come brutti, costringono gli artisti ad allontanarsi dalla società con uno strappo irrimediabile. Boccioni affronta il suo presente e comincia allora per lui l''età futurista, senza tuttavia certe facilonerie di personalità meno vigorose: al contrario, il viaggio in Russia e quello a Monaco lo fanno riflettere sulle altre avanguardie, dai cubofuturisti agli espressionisti.
Una morte stupida in un incidente di equitazione arresta le sue ricerche, di cui restano, struggenti testimonianze, il ritratto del maestro Busoni ed alcune nature morte. Scomparse nella guerra quasi tutte le sue rivoluzionarie sculture, ci resta di lui la gloria e l''importanza di un artista che, nato in un paese ricco ma anche impigrito per il lungo passato, ha dato il via alla modernità.

Ingresso libero fino ad esaurimento posti